Corsi e “ricorsi” vogheresi


Che confusione, qui a Voghera, la mia città.

Il Tribunale Amministrativo ha ricontato le schede scrutinate in due seggi delle passate elezioni comunali, dando ragione a Pier Ezio Ghezzi (PD) che lamentava un errore nel conteggio e/o di verbalizzazione, al primo turno della tornata elettorale. Quindi, il successivo ballottaggio tra Barbieri e Torriani (il perdente del ricorso) potrebbe essere dichiarato nullo. E se si disponesse di effettuare il ballottaggio “corretto” tra Barbieri e Ghezzi?

Non entro nel merito giuridico, né tantomeno politico della situazione, ma formulo solo due considerazioni:

A) Ipotizzando nuovamente la vittoria di Barbieri nel nuovo ballottaggio, il sindaco avrà un mandato di 5 anni;

B) Se, invece, dovesse vincere Ghezzi, avrebbe poco più di metà legislatura per governare la città;

Al di là di cosa ogni elettore vogherese possa sperare (in funzione del proprio voto) per la propria città, mi viene da pensare che ci sia un problema – non da poco – nei tempi della Giustizia (in questo caso, amministrativa).

Le elezioni, infatti, sono avvenute nel 2015 e non si può attendere mesi – se non anni – per avere un responso definitivo delle urne. Anche se i voti da ricontrollare fossero stati tutti (e non solo quelli di due sezioni), non si capisce perché ci voglia così tanto.

Nemmeno quello sporcacamicie di mio marito è così lento nel fare quei lavoretti che sono necessari in casa!

due banane

Quindi, urge una valutazione, da parte di chi di dovere, per far sì che non ci debba più essere un “ribaltone” a distanza di così tanto tempo dal voto.

Se un candidato ritiene che i voti ricevuti siano meno di quelli dallo stesso calcolati (la funzione dei rappresentanti di lista dovrebbe essere anche questa), dovrebbe poter ottenere una valutazione preliminare al massimo nel giro di una settimana e, se i voti dovessero essere ricontati, allora dovrebbe essere sufficiente un periodo di 10/15 giorni (giusto per stare larghi). D’altro canto, presidenti di seggio e scrutatori fanno il loro lavoro di scrutinio in poche ore e non dovrebbe essere così difficile ricontrollare – una per una – le schede di un piccolo comune come Voghera.

Nell’attesa che Ministro dell’Interno e parlamentari trovino il modo di accelerare le procedure (ahahahahahah!), io “voto” per l’annullamento della delibera sull’aumento dell’addizionale IRPEF comunale e relativa restituzione di quella già illegittimamente pagata.

Così lo sporcacamicie è più contento; e io con lui…

La casalinga di Voghera #CasalingaVoghera

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...